18 December 2017

Slot Machine Gratis sulle Gare di Moto

superbike sbkTra le varie categorie di moto da corsa è possibile trovare quella della Superbike in cui sono impiegati svariati modelli delle moto vendute al pubblico, ma con motori rielaborati, scarifichi diverse, altre centralini e tutti gli altri accorgimenti necessari per rispettare le regole e renderle da gara.

 

Al campionato Superbike (SBK) possono partecipare solo motociclette che hanno un numero minimo di esemplari prodotti e, quindi, prodotti in serie.

La Storia della Superbike

storia superbikeQuesta categoria fu ideata dal pilota statunitense Steve McLaughin e nel 1973 si tenne una competizione superbike production a supporto della gara di Laguna Seca AMA National.

 

L’idea del pilota prese subito piede e pian piano la categoria si espanse fino ad ottenere il riconoscimento nazionale nel 1976 grazie all’interessamento di Jim France del Daytona International Speedway e del dirigente Ama, Ed Youngblood.

 

Si corse per anni l’AMA Superbike e la categoria ottenne sempre più consensi tanto che nel 1985 la famosa 200 miglia di Daytona si corse con le Superbike e questo convinse la FIM che un campionato mondiale dedicato a queste moto, forse, non era una cattiva idea e, quindi, la Superbike prese definitivamente vita nel 1988.

 

Infatti, nacque il campionato Mondiale Superbike che vede, tutt’oggi, coinvolte le maggiori case motociclistiche di tutto il mondo e un notevole numero di appassionati.

Campionato Mondiale Superbike

sbkIl Campionato Mondiale di Superbike è noto anche come SBK ed è il più famoso e seguito con un regolamento redatto dalla FIM ed è organizzato e gestito dalla FGSport.

 

All’inizio questo mondiale era considerato un parente meno importante del più seguito motomondiale, ma verso la fine degli anni ’90 è cresciuto sempre di più ed è diventato sempre più famoso e seguito tanto da poter essere considerato, oggi, alla pari della MotoGp.

 

Della Superbike non esiste solo il campionato mondiale, ma anche tanti campionati nazionali tra cui non manca quello italiano, ma spiccano quello Americano e quello Britannico.

 

Le regole per le Superbike sono differenti per competizione. Nel 2008 il mondiale Superbike e molti campionati nazionali hanno cambiato il regolamento per consentire l’utilizzo di moto bicilindriche da 1200 cm³ ance se con maggiori restrizioni sull’elaborazione rispetto alle quadricilindriche.

 

Con il cambio di regolamento in previsione della riduzione dei costi, nel 2014, sono stati introdotte le moto EVO che sono diventate le uniche utilizzabili dal 2015 con un telaio e dei leveraggi originali, elettronica di serie e airbox di serie.

 

Per i costruttori di moto, la Superbike è una vetrina importantissima anche più della MotoGp in quanto gareggiano moto derivate dalle versioni da strada.

 

Tra le varie case produttrici, quelle che si impegnano maggiormente nella Superbike sono Honda, Yamaha, Suzuki e Kavasaki, ma anche Binota, Aprilia, Benelli, MV Augusta, Ducati e la BMW.

 

Se il re della MotoGp è ancora in sella ed è Valentino Rossi, il re della Superbike non gareggia più ed è l’inglese Carl Forgaty.

 

Attualmente, il campionato più amato della superbike è Troy Bayliss anche se si è ritirato nel 2008.

 

Le gare della Superbike si possono paragonare a quelle del campionato del mondo turismo delle 4 ruote. La caratteristica, in particolare, che differenza questa categoria dalla motogp è la presenza della superpole che si disputa il sabato per decidere la griglia di partenza e alla quale partecipano i 16 piloti più veloci delle qualifiche del venerdì.